Lean management 5 principi per organizzare il lavoro

Il Lean Management, o gestione aziendale snella, è una visione di gestione aziendale orientata al continuo miglioramento per dare efficienza alla produzione.

In ogni tipologia di azienda e ambito aziendale può essere applicato l’approccio lean.

Infatti, una gestione aziendale snella serve ad allineare il processo di produzione con le aspettative dei clienti così da ridurre gli sprechi e aumentare l’efficienza.

Cosa si intende per Lean Management?

Il Lean Management non è altro che una gestione aziendale orientata al continuo miglioramento e alla continua evoluzione condotta secondo i principi del Lean Thinking e del Toyota Production System.

Il lean management comporta miglioramenti oggettivi, qualitativi e quantitativi, nella gestione dell’azienda, può essere adottato da tutte le tipologie di aziende e deve coinvolgere dal Top management, dirigenti e responsabili, fino agli operatori.

È importante che il lean management venga supportato dal lean thinking: un processo di apprendimento e miglioramento che interessa non solo gli strumenti e i metodi ma anche la cultura aziendale, l’insieme di regole e valori dell’azienda.

Da leggere: i benefici di un approccio Lean nelle PMI

Le origini del Lean Management

Il Lean Management deriva dal Toyota Production System (TPS) sviluppato negli anni 40.

Tradotto anche come Thinking People System, il TPS richiede al gruppo di lavoro di pensare, sperimentare e apprendere dai risultati.

Il modello del TPS rappresenta l’essenza del Lean Management, che fa dei lavoratori sono parte attiva e integrante del processo di miglioramento (automazione).

A cosa serve il Lean Management?

La principale sfida del lean management è ridurre sprechi di tempo attraverso la creazione e la gestione di processi standardizzati che aumentino l’efficienza aziendale.

Grazie alla razionalizzazione dei processi l’azienda potrà focalizzarsi su come generare effettivo valore non solo verso il cliente finale, ma anche all’interno dell’azienda stessa, favorendo la crescita e lo sviluppo delle risorse interne, a partire dal top management.

Quali sono le 5S del metodo lean?

Fra gli strumenti che costituiscono le fondamenta del metodo Lean c’è la tecnica della 5S, suddivisa in punti all’apparenza facili da applicare ma che diventano vere e proprie sfide:

  • Seiri: separare ciò che serve da ciò che non è funzionale
  • Seiton: riordinare tutto ciò che è utile
  • Seiso: pulire e mantenere in ordine la postazione di lavoro
  • Seiketsu: sistematizzare il lavoro in metodologie ripetitive e canonizzate
  • Shitsuke: diffondere il modo di pensare e agire in modo che sia pervasivo

I 5 principi del lean management per organizzare il lavoro

  1. Value: ripensare al valore dal punto di vista del cliente, identificare tutto ciò per cui il cliente è disposto a pagare, in termini di uno specifico prodotto/servizio in grado di soddisfare le sue esigenze ad un dato prezzo e in un dato momento.
  2. Map: mappare il flusso del valore per ciascun prodotto. L’analisi del flusso di valore mostrano tre tipi di attività all’interno del flusso: attività che creano valore, attività che non creano valore ma sono inevitabili e attività che non creano valore e possono essere eliminate.
  3. Flow: far sì che le attività creatrici di valore fluiscano in modo continuo, senza interruzioni, ostacoli o attese.
  4. Pull: subordinare la produzione all’effettivo manifestarsi della domanda. Per far fronte alla grande instabilità della domanda e non avere grandi scorte di magazzino (muda), producendo solo ciò che è richiesto dal cliente e nella quantità richiesta (just in time).
  5. Perfection: avere come obiettivo la perfezione e perseguirla attraverso piccoli, ma continui miglioramenti (kaizen). Secondo la logica Lean, cambiare 100 cose dell’1% è più proficuo che cambiarne 1 del 100%.

Come passare ad un approccio Lean?

Secondo un’analisi del Il Sole 24 Ore, condotta su 50 aziende che hanno attuato il modello di Lean Management, gli effetti positivi della lean sono dimostrati da una crescita della performance del 60% in 7 anni. I benefici si riscontrano anche nel settore della redditività, cresciuta del 18,85% in soli 3 anni e del 63,69% in 5.

Per passare ad una gestione snella dell’azienda è necessario analizzare e mappare i flussi del valore, individuare le criticità e costruire un piano di azione operativo, allineando l’intera organizzazione aziendale su progetti e obiettivi comuni.

Infatti, passare alla gestione snella dell’azienda implica un cambiamento profondo sia nel modo di pensare che in quello di agire e interessa diversi livelli, dai top management fino agli operatori.

La consulenza lean è importante per trasmettere alle aziende le competenze necessarie per poter applicare le logiche di lean management nella gestione quotidiana della propria azienda.

Ottieni l’analisi gratuita della tua azienda

Scopri come migliorare le attività attraverso la consulenza Lean

    Nome e Cognome*

    La tua email*

    Società*

    Oggetto*

    Il tuo numero di telefono

    Il tuo messaggio

    Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali

    Ricevi le ultime News!