Certificazione parità di genere a Bologna, Modena, Emilia-Romagna, certificazione gender equality, PNRR, obbligo parità di genere

Come richiesto dal PNRR, da marzo viene pubblicata la prassi di riferimento PdR 125:2022, istituendo la certificazione della parità di genere, introdotta dall’art. 4 della Legge n. 162/2021, ha lo scopo di ridurre il divario di genere in relazione alle opportunità di carriera, ai livelli retributivi a parità di mansione, alle politiche per la gestione delle differenze di genere e alla tutela della maternità.

Inoltre, ottenendo la certificazione della parità di genere le imprese potranno accedere a sgravi contributivi da versare fino all’1%, nel limite di 50mila euro ad azienda.

Obblighi e novità introdotti dalla Legge 162/2021

La legge n. 162 del 2021 prevede l’estensione alle aziende con almeno 50 dipendenti dell’obbligo di trasmissione biennale del rapporto di parità al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

La Gender Equality è uno dei 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile fissati dall’ONU e la missione 5 del PNRR per ridurre la disparità di genere. Con l’obbligo di rapporto biennale, diventa necessario per le aziende strutturare un sistema di gestione dell’inclusione per mostrare il proprio impegno e monitorare obiettivi di miglioramento.

Infatti, la legge n. 162 del 2021 introduce anche la certificazione della parità di genere, grazie alla quale le aziende possono accedere a sgravi contributivi pari all’1%.

Criteri per ottenere la certificazione per la Gender Equality

La UNI PdR 125 del 2022, introdotta dal PNRR, definisce i parametri minimi di riferimento per ottenere la certificazione della parità di genere.

In particolare, il documento analizza il contesto e gli obiettivi del PNRR, valutando gli aspetti aziendali che saranno necessari per ottenere la certificazione.

Da leggere: obiettivi per lo sviluppo sostenibile contenuti nel programma Agenda 2030

Sono sei le aree da prendere in considerazione, ognuna delle quali ha un peso specifico diverso nella valutazione della certificazione:

Aree di valutazionePercentuale
cultura e strategia15 %
governance15 %
processi HR10 %
opportunità di crescita e inclusione delle donne in azienda20 %
equità remunerativa per genere20 %
tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro20 %

Una nota tecnica sulla UNI/PdR 125:2022 specifica che per ottenere la certificazione il punteggio complessivo non dovrà essere inferiore a 60.

A questi indicatori, vengono attribuiti punteggi con valori calibrati ad aspetti quali dimensione e contesto aziendale. La Certificazione per la Parità di Genere è applicabile a qualsiasi tipo di Organizzazione, sia del settore privato, pubblico o senza scopo di lucro, indipendentemente dalle dimensioni e dalla natura dell’attività.

I vantaggi della Certificazione per la parità di genere

La certificazione di parità è una delle misure inserite dal Governo nella missione 5, «Inclusione e coesione», del PNRR. Quali sono i vantaggi per le aziende che decidono di certificarsi?

  • sgravi fiscali: ai datori di lavoro in possesso della certificazione della parità di genere è riconosciuto, per il 2022, un esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro. L’esonero sarà riconosciuto in misura all’1% nel limite massimo di 50mila euro annui.
  • Punteggio premiale: nei bandi di gara, per la concessione di aiuti di stato e/o finanziamenti pubblici in genere, sarà tenuto conto dei criteri premiali a favore delle aziende in possesso della certificazione.
  • Rafforzare l’immagine aziendale.

Scopri se la Certificazione per la parità di genere fa al caso tuo!

    Nome e Cognome*

    La tua email*

    Oggetto*

    Il tuo numero di telefono

    Il tuo messaggio

    Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali

    Ricevi le ultime News!