Fondo Nuove Competenze 2022, ottenere finanziamenti aziendali, formazione finanziata a Bologna, Modena, Ferrara, Emilia Romagna

Cambiano le regole per accedere al Fondo Nuove Competenze 2022, vediamo i dettagli nel decreto del commissario straordinario numero 159 del 10 giugno 2022.

Attualmente sono state approvate le istanze presentate entro il 30 giugno 2021, nei prossimi mesi sarà aperta la possibilità di presentare nuove istanze a valere sull’ulteriore miliardo di euro previsto dalle risorse React-Eu.

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata

Cos’è il Fondo Nuove Competenze?

Il Fondo Nuove Competenze è un fondo pubblico cofinanziato dal Fondo sociale europeo che rimborsa il costo delle ore di lavoro destinate alla formazione (retribuzione lorda più oneri).

Istituito da ANPAL, il Fondo Nuove Competenze sostiene le aziende, di qualunque settore e dimensione, nel processo di adeguamento ai nuovi modelli organizzativi e produttivi.

Grazie al Fondo Nuove Competenze, l’azienda è in grado di offrire ai propri lavoratori l’opportunità di acquisire nuove o maggiori competenze e dotarsi di strumenti utili per adattarsi alle nuove condizioni del mercato del lavoro.

Da leggere: I corsi di formazioni per accrescere il tuo business

Come funziona: nuove modalità di accesso al bando

È possibile chiedere un rimborso massimo di 250 ore a lavoratore in formazione.

Cambiano le modalità di accesso al Fondo nuove competenze, anche per le domande presentate entro il 30 giugno 2021.

Infatti, il nuovo decreto del commissario straordinario n. 159 del 10 giugno 2022 prevede che, a seguito dell’ammissione a finanziamento, l’impresa possa scegliere tra le seguenti modalità di erogazione del contributo:

  • 40% in anticipo, previa fideiussione bancaria o polizza fideiussoria assicurativa, redatta secondo lo schema Anpal e caricata, entro 60 giorni dall’ammissione a finanziamento (il restante importo sarà erogato all’esito delle verifiche rispetto alla domanda di saldo);
  • unica tranche a saldo, all’esito delle verifiche sulla documentazione allegata alla richiesta finale di saldo.

Domande già presentate entro il 30 giugno 2021

La copertura finanziaria per lo scorrimento è assicurata per circa 500 milioni di euro dalle risorse React-Eu, per 100 milioni dal bilancio dello Stato (come previsto dall’art. 10-bis del cd. “decreto fiscale”) e, infine, per circa 30 milioni dalle economie derivanti da rinunce e minori rendicontazioni dei contributi già riconosciuti.

Fondo Nuove Competenze 2022: anticipo e saldo con nuove regole

Il nuovo avviso Fondo Nuove Competenze, approvato dal decreto ANPAL n. 461 del 04 novembre 2020, dispone le seguenti modifiche:

“Al paragrafo 6, sez. 6.1, le parole “l’erogazione a titolo di anticipazione, del 70 per cento del contributo concesso.” sono sostituite dalle seguenti: “la possibilità di chiedere a titolo di anticipazione l’erogazione del 40 per cento (quaranta per cento) del contributo concesso, previa presentazione di una fidejussione bancaria o polizza fideiussoria assicurativa irrevocabile, incondizionata ed escutibile a prima richiesta, di importo pari all’anticipo e della durata di ventiquattro mesi, a garanzia dell’eventuale richiesta di restituzione della somma stessa”.

Restano invariati i tempi di realizzazione dei percorsi di formazione: 90 giorni di tempo dall’approvazione della domanda che possono essere prorogati fino a un massimo di 180 giorni presentano apposita richiesta motivata tramite MyANPAL.

Le novità del bando Fondo Nuove Competenze 2022

Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, ha annunciato le novità che saranno contenute nel decreto interministeriale che aprirà il bando 2022:

  • la retribuzione oraria durante la formazione sarà finanziata per il 70-75% del totale (prima era 100%), con gli oneri relativi ai contributi previdenziali e assistenziali delle ore destinate alla formazione che saranno rimborsati per intero
  • ci saranno maggiori controlli sulla qualità e sull’efficacia dei percorsi di formazione
  • i Fondi interprofessionali avranno un ruolo centrale nell’erogazione della formazione
  • le aziende non iscritte ai fondi devono rivolgersi ad enti accreditati regionalmente o a livello nazionale
  • maggiore orientamento della formazione alla creazione di competenze digitali e green, con lo scopo di utilizzare le risorse pubbliche al conseguimento dei risultati attesi del PNRR
  • le aziende non potranno più svolgere la formazione interna, ma ci sarà sempre e comunque bisogno di un riferimento esterno con determinate certificazioni.
Visual Portfolio, Posts & Image Gallery for WordPress

Fondo nuove competenze: come fare domanda

Per sfruttare a pieno l’opportunità del Fondo Nuove Competenze affianchiamo le aziende dalla fase di pianificazione strategica (visto il ruolo chiave svolto anche dai Fondi Interprofessionali) fino alla valutazione qualitativa dei corsi.

Attraverso un lavoro di analisi e design formativo, individuiamo le competenze da acquisire e le capacità da rafforzare in sincronia con la continua evoluzione dell’azienda nel mercato di riferimento.
Secondo i requisiti richiesti dal FNC, viene redatto il progetto formativo che sarà poi presentato per la partecipazione al fondo.

All’accettazione dell’istanza programmiamo la formazione prevista dal progetto entro i termini stabiliti.
Inoltre, Come richiesto dal bando FNC, a tutti i corsi di formazione farà seguito una certificazione finale delle competenze.

Vuoi realizzare il tuo progetto formativo?

    Nome e Cognome*

    La tua email*

    Oggetto*

    Il tuo numero di telefono

    Il tuo messaggio

    Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali

    Ricevi le ultime News!